This post is also available in: Français English Español

Magnificat!

Pour la Conservation du Dépôt de la Foi!
Pour que le Règne de Dieu arrive!

Jésus en croix
Da Padre Mathurin della Madre di Dio

“Il mondo si perde, disse Gesù a Suor Consolata Betrone, e Io amo le anime e voglio salvarle. Per raggiungere il Mio obiettivo, uso il rigore, ma credetemi, è per pura misericordia. Se permetto un dolore così grande, è con lo scopo di salvare le anime per l’eternità”.1

Per sua sfortuna, l’umanità si è allontanata dalla via che Dio le aveva tracciato. Come un buon padre, Dio impiega i mezzi necessari per riportare i suoi figli sulla via della vera felicità al suo servizio. Pur colpendo, il nostro Padre Celeste vuole colmare l’umanità con i Suoi doni, come un padre che, dopo essere stato severo, dà poi dei dolcetti per far dimenticare l’amarezza della punizione. Non riusciremo mai a capire tutto l’amore che Dio mette nelle punizioni inflitte ai suoi figli.

Un piano diabolico, o… divino?

Dio vuole, o permette, tutte le sofferenze che accadono. L’esempio migliore per illustrare questa grande verità è Gesù, Dio incarnato sulla terra. Dopo la risurrezione di Lazzaro, il Vangelo ci dice che i principi dei sacerdoti e i dottori della legge si sono riuniti nel cuore della notte, infrangendo le loro stesse leggi, contro ogni forma di giustizia. “Questo Gesù risuscita i morti! Se gli permettiamo di continuare i Suoi miracoli, per noi è finita. Occorre eliminarLo!” Era una risoluzione satanica, ispirata direttamente dal demonio. Eppure era il Piano di Dio! Tutte le forze del male si sono unite per abbattere Gesù, per spezzarlo, per distruggerlo. Si sono resi conto del loro diabolico complotto, hanno massacrato Gesù: il Piano di Dio si stava realizzando!

Qualcuno si chiede: il coronavirus è stato creato dall’uomo? Cosa cambierebbe per conoscerne l’origine? Nel caso di Gesù, la Sua morte è stata opera degli uomini o di Satana? La Sua morte sulla croce: era divina o diabolica? Sembra strano dirlo, ma era entrambe le cose! I demoni si sono agitati, hanno raccolto i loro satelliti e i loro servi in conciliaboli per eliminare quest’Uomo. E allo stesso tempo, mai un progetto diabolico era stato così divino! A volte, è piuttosto sorprendente, sembra che più il progetto è diabolico, più si unisce al divino. C’è un mistero in tutto questo. È Dio che guida e conduce tutto alla Sua fine.

Una volta capito questo, tutto assume una luce diversa. Dio guida e ha l’ultima parola. Le anime devono entrare nel Suo disegno, vedere la Sua mano dietro gli eventi più sfortunati, terribili, malvagi, morbosi. I nemici di Nostro Signore desideravano denaro e potere, volevano stabilire il loro regno, e il nostro caro Gesù ostacolava i loro piani. Tutte le forze del male hanno cospirato per distruggere e massacrare Gesù: sono riuscite ad uccidere il Figlio di Dio incarnato! I demoni si sono strofinati le mani con soddisfazione. Quando Satana si rese conto che avevano realizzato il Piano di Dio, mordeva la polvere: era la sua più grande sconfitta. La morte di Gesù sulla croce è stata la salvezza che Dio aveva voluto fin dall’inizio. Era il piano che Egli aveva decretato per la salvezza dell’umanità, subito dopo il peccato dei nostri primi genitori.

In questi tempi in cui l’odio diabolico sta raggiungendo il suo punto culminante, si prepara un mistero d’amore per la salvezza dell’umanità: anche l’Amore divino raggiungerà l’apice. Come reagiamo a questi eventi? Siamo molto attenti a guardare tutto con fede. Certo, abbiamo bisogno della prudenza umana, ma soprattutto dobbiamo avere fede, e credere che è Dio che agisce attraverso tutti questi eventi.

In tutto il mondo le chiese sono chiuse. I governi difendono i raduni. Hanno paura del coronavirus. Il divieto di accesso ai sacramenti, alla Santa Messa, alla comunione non può essere di Dio. È un fenomeno diabolico contro Dio. Ma Dio si prenderà la gloria da questo. Mi addolora enormemente che l’adorazione perpetua dei fedeli sia cessata a Montmartre, dove era stata mantenuta anche durante i bombardamenti della Seconda guerra mondiale. La situazione avrebbe potuto essere gestita in modo diverso, mettendo in atto un certo controllo come facciamo per mantenere aperte altre istituzioni e imprese. L’adorazione perpetua del Santissimo Sacramento è un parafulmine per le nazioni. Lo scopo dell’adorazione perpetua è di assicurare una preghiera ininterrotta per la Chiesa, per la patria, per il mondo. Sono sicuro che gli adoratori ne soffrono molto.

La preghiera come rimedio ai problemi di oggi

Abbiamo fatto un appello per un aumento di preghiere. Che ognuno faccia la sua parte e dia più tempo all’adorazione davanti al Santissimo Sacramento dove Gesù è veramente presente. Se preghiamo umilmente, la salvezza verrà. La salvezza è Dio. Ci interpella. Dobbiamo pregare con umiltà, battendoci il petto. Facciamo l’umile preghiera del pubblicano che si batteva il petto, non quella del fariseo che trova gusto in se stesso e condannava gli altri: “Questa gente ha fatto questo e quello! Non sono come il resto degli uomini”. Esaminiamo invece la nostra vita: umiliamoci e piangiamo per i nostri peccati davanti a Dio. Considerando le luci e le grazie che abbiamo ricevuto, dovremmo essere giganti di santità. Dal profondo della nostra anima, convinciamoci che con tutte queste grazie che abbiamo ricevuto, siamo peggio degli altri, più colpevoli davanti a Dio. Molto sarà richiesto a chi ha ricevuto molto, dice Gesù e più si esigerà da colui al quale molto è stato affidato.2*

Dobbiamo ricorrere ai sacramenti: la Messa, la Santa Comunione e la Confessione, che oggi sono boicottati quasi ovunque. Per rimediare a questo, dobbiamo farne un uso maggiore e moltiplicarli a casa. Dobbiamo compensare con più Messe, più Comunioni, più adorazioni, più confessioni, sempre con umiltà, altrimenti la nostra preghiera sarà respinta dal Cielo. Dio resiste ai superbi e dà la Sua grazia agli umili.3 La Madonna canta nel Suo Magnificat: L’Onnipotente solleva gli umili… Ma Egli dispiega tutta la forza del Suo braccio per disperdere i superbi in spirito e cuore, e rovescia i potenti dal loro trono.4

Con umiltà, chiediamo perdono per noi stessi, per la Chiesa, per i nostri fratelli. Compensare, supplicare, adorare! Quando siamo davanti al Santissimo Sacramento, quando preghiamo da soli nella nostra stanza, come dice il Vangelo5, mettiamoci in queste disposizioni. In questo modo le attuali disgrazie saranno veramente una benedizione che trasformerà le nostre anime. In questo caso, questo virus merita di essere incoronato (corona-virus): ci porterà più vicini a Dio! Lode a Dio!

C’è panico ovunque. La Chiesa è sempre stata fragile, ma non ha chiuso le sue porte, soprattutto in tempi di calamità, quando i fedeli avevano più bisogno dell’assistenza divina. Oggi le porte dei sacramenti sono chiuse a quasi tutti. Alcune brave persone dicono: “Guardiamo la messa in televisione”. Sullo schermo si guarda l’immagine del Santissimo Sacramento. Non è l’ostia che stai guardando, è un’immagine che ti ricorda Gesù nell’Eucaristia. Ma non è l’Eucaristia. Quando sono davanti all’Ostia, sono davanti a Dio, personalmente presente. Quando partecipo alla Messa in televisione, non sono in presenza del sacrificio del Calvario, sono di fronte a una rappresentazione. Per partecipare realmente alla Messa è necessario muoversi – se possibile – e parteciparvi. Non è l’ostia che stai guardando, è un’immagine che ti ricorda Gesù nell’Eucaristia. Ma non è l’Eucaristia. Quando sono davanti all’Ostia, sono davanti a Dio, personalmente presente. Quando partecipo alla Messa in televisione, non sono in presenza del sacrificio del Calvario, sono di fronte a una rappresentazione. Per partecipare realmente alla Messa è necessario muoversi – se possibile – e parteciparvi. Il Santissimo Sacramento non è un’immagine o una rappresentazione, è Dio realmente presente.

Dalla vostra casa potete adorare Gesù l’Ostia in spirito, ma non siete di fronte alla Presenza Reale. È sempre meglio che non fare niente. Se si guarda una foto dell’Ostia di Gesù e si è stimolati a pregare, è buona, anche molto buona. Ma come Autorità della Chiesa, non posso dire che l’immagine sia equivalente alla Presenza Reale. Questo non è ciò che Gesù ci insegna. Non possiamo istituire cose che Gesù non ha istituito. Gesù ha voluto rimanere in mezzo a noi attraverso la Presenza Reale dell’Eucaristia, non solo attraverso un’immagine sullo schermo o sulla carta. Voleva nascondersi nel pane al momento della consacrazione, ed è in questa forma che vuole essere adorato dai Suoi figli.

La Chiesa ha sempre insegnato la comunione spirituale. Io stesso l’ho raccomandato a molti dei nostri amici. Potete trarne grande beneficio se ci state attenti. Ma non è la comunione sacramentale. Quando fate la comunione sacramentale, è veramente Gesù che ricevete in voi. Perché la Mia carne è veramente cibo, dice Gesù. Il Mio Sangue è davvero una bevanda. Colui che mangia la Mia carne e beve il Mio sangue dimora in Me, e Io in lui.6

La fede dei primi cristiani

Quando i primi cristiani si recarono nelle catacombe per assistere ai santi misteri, ognuno di loro fu esposto a essere catturato, riconosciuto come cristiano, portato a morte. Era un rischio, un pericolo immediato, peggiore del coronavirus. Hanno rischiato la morte con estrema tortura. La storia di San Tarcisio non è un caso isolato. I cristiani esponevano la loro vita per portare la Santa Eucaristia – la comunione sacramentale – ai loro fratelli che stavano per morire. Credevano già nella comunione spirituale, certo, ma hanno rischiato la vita per la comunione sacramentale. Il piccolo Tarcisio è morto lapidato esponendosi in questo modo. Questa è la Chiesa, questa è la sua verità. La Chiesa, soprattutto in tempi di calamità, ha il dovere di proclamare la verità.

È uno sforzo di Chiesa che facciamo, in spirito di umiltà, per compensare, supplicare e toccare il Cuore di Dio con molto amore, molta fede, molta umiltà. Vi racconto questi fatti per comunicarvi il mio dolore nel vedere le chiese chiuse. Non scaglio pietre al clero, ma mi fa davvero male. Ho un immenso dolore per tutti gli adoratori che amano il buon Dio e che sono ora privati dell’adorazione nei suoi santuari. Non hanno scelta; d’altra parte questi fedeli continueranno ad adorare dalle loro case. Questo gesto sarà grande davanti a Dio. Nel loro cuore adoreranno Dio, mentre pregano davanti a una croce o a una pia immagine. Si rammenteranno il Santissimo Sacramento che adoravano a Montmartre o altrove.

Sempre più, date tempo all’adorazione. Grandi grazie passano attraverso l’adorazione silenziosa davanti al Santissimo Sacramento. Qualcosa di divino sta accadendo nella nostra anima. Come diceva San Luigi Maria di Montfort: “Possiamo concepire questo bene solo per esperienza”. Le parole non possono esprimerlo, dobbiamo viverlo.

Anche il rosario è una devozione meravigliosa. Niente è più bello che meditare sui misteri della vita di Gesù e di Maria. Recitando l’Ave Maria si contempla il mistero. Oltre ai quindici misteri tradizionali, si può contemplare anche qualsiasi altro mistero della vita di Gesù e di Maria. Dite dolcemente le Ave Maria: questa preghiera vi farà entrare in contemplazione davanti al Santissimo Sacramento.

Non c’è una formula fissa per tutti, ogni anima è diversa. Ognuno di voi è un’anima unica, che Dio ama più di tutti gli altri. Quando sei con il buon Dio, sei l’unico che conta ai Suoi occhi. Sei solo con Lui, Lui si prende cura di te personalmente. Il suo trattamento nei tuoi confronti è speciale. Dovete essere attenti: quello che fa è fatto su misura per voi. È Lui che ti porta alla contemplazione. Non si può davvero pregare senza l’ispirazione di Dio. Dio ha mandato nei vostri cuori lo Spirito di Suo Figlio, che grida: Abbà, Padre!7

In adorazione del Santissimo Sacramento, è Gesù che viene a pregare in voi e vi offre una grazia speciale in quel momento. Dobbiamo entrare in contatto con Dio. Possiamo prendere una guida, un mezzo che ci aiuta ad entrare nella contemplazione, ma il contatto, la grazia, ci viene da Lui.

L’adorazione ci rende umili

Normalmente, è la creatura che deve donarsi al suo Creatore. Quando siete in adorazione, scoprite che è il Creatore che si dona a voi stessi. Questo pensiero ti confonde, è un’umiliazione che ti riempie d’amore. Il culto ci rende umili, noi così orgogliosi della nostra natura decaduta. Dio Si dona a noi! Il nostro piccolo dono è così scarso, così piccolo rispetto al Suo dono divino. Quando si adora, quando si è in contemplazione, e ci si rende conto che è Dio che dà, si è umiliato, confusi, ma amorevolmente confusi. Pensavi di aver dato qualcosa al buon Dio, e si scopre il proprio egoismo, la sua meschinità, il suo egocentrismo, la sua vanità, la sua mancanza di generosità. Contempliamo il dono di Dio a noi, il Dio che si dona: il dono in sostanza. L’adorazione è semplicemente fatta, non è uno sforzo cerebrale. Siamo davanti a Dio per lodarlo e adorarlo, per glorificarlo, per compensare.

Può succedere che tu non abbia nulla da dire. Poi ti inginocchi e ti prostri. Se vi sentite freddo, prostratevi ancora di più. Sentitevi liberi di prostrarvi con il naso a terra. Oh! la bella adorazione! Prostratevi, adorate, umiliatevi. Poi vi alzate, e contemplate Gesù e vi prostrate di nuovo. Voi constatate la vostra nullità, questo nulla, questo vigliacco che siete, e Dio Si dona a voi.

La Vergine Maria stava facendo questa adorazione, inchinandosi davanti al Suo Dio con il naso a terra. Poi Si alzò di nuovo per potersi prostrare di nuovo, per poter fare una completa adorazione davanti a Dio. L’ha fatto decine, a volte centinaia di volte. Ha continuato questa pratica fino alla vecchiaia. Maria stava già facendo questa adorazione prima dell’istituzione del Santissimo Sacramento. Prima della Presenza Reale dopo la morte di Gesù, potete immaginare le prostrazioni che Ella fece! Con quale riverenza ha fatto questo gesto! Si alzò e Si prostrò di nuovo per compiere un atto fisico di annientamento, abbassandosi alla polvere, in posa. È rimasta lì per un attimo e Si è alzata di nuovo.

Raccomando di fare questa prostrazione trentatré volte, per onorare i trentatré anni della vita di Gesù. Gesù, che Si è chinato verso di noi, e anche di più! Fate queste adorazioni con molta calma. “Mio Dio, quanto vale la mia preghiera? Voglio fare come la Vergine, come fece Tua Madre”. Ci sono molti modi diversi di fare adorazione. L’amore vi ispirerà. Prosternarsi stimola l’attenzione. Siamo fragili. Ci tiene svegli, soprattutto durante l’adorazione notturna, quando, nonostante noi stessi, la stanchezza può travolgerci.

Se entri veramente nella preghiera, Dio farà il resto. Egli vede la vostra buona volontà: volete amarlo, vi umiliate davanti a Lui, ed Egli Si manifesterà a voi. Il buon Dio parla ad ogni persona, non con suoni e rumori; parla al cuore. Egli Si comunica all’anima che si umilia, che si annichilisce davanti a Lui. L’anima ne esce più umiliata, ancora più confusa. È in questo spirito di adorazione che dobbiamo supplire. Molte grazie dipendono da questo.

Adorazione a nome della Santa Chiesa, per voi stessi, per tutti i nostri fratelli e sorelle sulla terra, in unione con quei cari uomini e donne che non hanno più quel privilegio, quel piacere, quella gioia che avevano di essere in adorazione davanti al Santissimo Sacramento, perché tante chiese non lo permettono più. Voi offrite a Dio le loro preghiere, le loro sofferenze. “Mio Dio, intervenite! Vi offro la mia adorazione in unione con queste persone sofferenti, che vorrebbero essere alla Vostra presenza”.

Questa preghiera cambierà il mondo più delle parole. I discorsi sono necessari, ma è Dio che tocca le anime con le nostre parole. Dio usa le nostre parole, ma è sempre la Sua grazia che tocca i cuori, non noi o le nostre parole.

La sommità più alta dell’adorazione

Il primo culto che l’uomo deve rendere a Dio è quello di adorarLo. Adorare è molto di più che inchinarsi. Adorare è riconoscere il dominio sovrano di Dio, il nostro Creatore. Nel dolore, nella sofferenza, quando ci applichiamo a riconoscere la mano di Dio che opera, che agisce, quando poi ringraziamo il buon Dio, è la sommità dell’adorazione. Non solo dobbiamo piegare le spalle perché non abbiamo scelta. Sottomettersi, accettare, è già un bene. Ma entrare così tanto nel piano di Dio che Lo ringraziamo per questo! “Mio Dio, grazie! Grazie per il dolore che mi succede, grazie per tutti i dolori che mi succedono. Grazie, mio Dio!” Quando quel ringraziamento è riconoscente, pieno di gratitudine a Dio, questa è la sommità dell’adorazione che possiamo rendere a Dio.

Dio aspetta il culto dagli Apostoli degli Ultimi Tempi. Diffonderemo questo culto in tutto il mondo. Prima dobbiamo metterlo in pratica. Fa male? Invece di brontolare e sussurrare nei nostri cuori, diciamo..: Grazie, mio Dio! I peggiori peccati del popolo ebraico, registrati nella Bibbia, erano l’idolatria e il mormorio. Adorando Dio nella sofferenza, facciamo il contrario. Noi adoriamo Dio e lo ringraziamo: “Grazie, mio Dio, per il minimo male che mi succede. Non è il diavolo o così e così che mi fa soffrire, sei Tu, mio Dio, che agisci dietro questi strumenti. Grazie, mio Dio!” Senza che l’uomo se ne renda conto, i nostri cuori si elevano a Dio.

Sotto l’occhio di Dio, con lacrime di gratitudine, diciamo: “Mio Dio, mi dai questa cosa, a un essere vile come me? Posso adorarti in questo modo? Mio Dio, mi fai troppo onore!” Dio Si aspetta che noi facciamo questo culto e poi lo trasmettiamo al mondo. Il mondo esperimenterà questa. Sarà qualcosa di raro nella storia dell’umanità. Dovremo promuoverla per viverla. Che Dio vi aiuti a farlo con cuore buono. Nel nome dei nostri fratelli e sorelle sulla terra, ringraziamo il buon Dio per tutti i mali: “Mio Dio, grazie per queste grazie. È una misericordia che ci mandate”. Più di un terzo della popolazione mondiale è in isolamento. “Mio Dio, ne approfitteremo? Mio Dio, dacci una grazia possente!”

La grazia ha due aspetti: la grazia attuale e la grazia abituale. La grazia abituale è la vita di Dio in noi, lo stato di grazia. La grazia attuale è l’aiuto che Dio ci dà per realizzare in ogni momento il bene che Egli Si aspetta da noi. La grazia è l’intervento di Dio, infinita. Di momento in momento, la grazia è distinta per ciascuno dei sette miliardi di persone sulla terra. Tutti noi peccatori, nel momento stesso della nostra caduta nel peccato, Dio interviene per sollevarci e attirarci a Lui. La Sua grazia gioca un ruolo infinito in ogni scenario della nostra vita, soprattutto nei momenti di sofferenza. Ma dobbiamo pregare.

Viviamo in un tempo di benedizioni che l’umanità non ha avuto per molto tempo. Preghiamo, adoriamo Dio: “Mio Dio, grazie! Tu prendi i mezzi per riportarci da Te, perché siamo troppo frivoli, siamo distratti, pensiamo solo a divertirci. Voglio entrare nel Tuo piano, voglio la Tua grazia, il soccorso per me, per i miei fratelli. Grazie, Dio, per essere intervenuto”. Le sofferenze attuali sono benedizioni di Dio. Molti, ma troppo pochi, stanno approfittando di questo tempo di grazia. Il futuro dipende da come reagiamo.

La situazione suscita gesti di carità, ma soprattutto suscita il pensiero di Dio. Molti parlano delle opere di carità che si stanno facendo, ma i media non dicono che la gente pensa di più a Dio. Le famiglie si uniscono, questo è molto bello, ma soprattutto dobbiamo unirci a Dio. Se facessimo tutti questi bei gesti senza pensare a Dio, non varrebbe molto. La carità è sempre di grande valore, ma deve essere praticata per piacere a Dio. La prima carità è pensare a Dio e servirlo. Si aspetta che pensiamo a Lui, che facciamo qualcosa per Lui. Rispetto ai sette miliardi di persone sulla terra, sono troppo pochi quelli che si rivolgono a Dio. Il confinamento dà alla gente l’opportunità di pregare di più, di pensare un po’. Noi umani siamo così distratti che non pensiamo alla nostra eternità. Il buon Dio ci sta dando una possibilità. “Mio Dio! Oh, bontà divina! Che misericordia! Ci meritiamo di essere picchiati con i bastoni e Tu ci colpisci dolcemente, quanto dolcemente”. Un po’ di reclusione destabilizza molte persone. Eppure possono ancora mangiare e anche divertirsi un po’. Se la gente reagisce bene, potremmo prevenire gli scenari inquietanti che minacciano di incombere all’orizzonte. Tutto dipende da come ci comportiamo.

Dio ci chiede piccole cose: una certa reclusione che durerà un po’ più a lungo. Ci sarà qualcos’altro? Non importa. Come sarebbe passare molto tempo sulla terra senza essere preparati per l’eternità? Che giova vivere a lungo sulla terra se non si pensa all’eternità? L’attuale pandemia è lo scenario più bello possibile, se mi porta all’eternità benedetta, se mi porta a fare un po’ di più per il buon Dio. I martiri si rallegravano al tempo delle persecuzioni. “Faremo un po’ di più per il buon Dio, forse avremo la fortuna di essere martiri. Che benedizione!” Abbiamo paura di soffrire: “Ci sarà meno cibo in tavola? Mi mancherà qualcosa?” Abbiamo paura di avere fame, paura di avere freddo, paura di essere stanchi, abbiamo paura di tutto, abbiamo paura di avere paura.

Benedetto sia Dio!

Dobbiamo ringraziare Dio quando dà, e anche quando toglie: “Mio Dio, se mi togli qualcosa, Ti ringrazio in anticipo. Sono pronto, ma venite in mio soccorso! Sono un codardo, ho paura di soffrire. Ma ho fiducia in Te, perché so che Tu mi aiuterai e la Tua grazia lo farà in me”. Solo ringraziare Dio in ogni circostanza vi porterà ad un vertice in questo servizio di culto che Gli dobbiamo. Dio Si aspetta un sacrificio di lode dai Suoi figli, specialmente nei momenti di prova. Ci manda delle punizioni un po’ a malincuore: “Grazie, mio Dio. È per il nostro bene, è troppa gentilezza. Ti abbiamo abbandonato. Volete prendere in mano la situazione e ci dispiace”.

Alcuni arrivano persino a bestemmiare… Se c’è qualcosa che fa male a Dio, è la bestemmia. Lo bestemmiamo anche nell’abbondanza. Dio agisce con dolcezza perché gli uomini Lo bestemmiano. Noi, Lo benediciamo in queste piccole sofferenze e in ogni altra sofferenza che possa essere più considerevole. “Mio Dio, non meritiamo così tante attenzioni da parte Tua. Io dovrei prestare attenzione a Te, e Tu sei quello che sta prestando attenzione a noi”. I ruoli sono invertiti. La creatura dovrebbe essere tutta attenta al suo Creatore. Dio è alla ricerca del bene della Sua creatura, suo figlio, e la creatura è volubile, distratta, frivola, occupata con le cose della terra, come se non ci fosse nulla dopo la morte. Se non stiamo attenti, possono verificarsi distrazioni e mormorii anche tra l’élite degli umani, tra coloro che si professano di servire Dio.

Che le nostre vite siano vite di Magnificat, di gratitudine in ogni tipo di sofferenza. Facciamolo con buon cuore, sempre di più. Lodare Dio quando si soffre è più che inchinarsi davanti al Santissimo Sacramento. Adorare Dio, benedirLo nella sofferenza, ringraziarLo, è la sommità dell’adorazione. Dio ci invita a farlo con amore. Egli ci guarda per vedere se profittiamo di questa pandemia che è una benedizione divina.

Arriverà ogni sorta di piccole sofferenze. Siamo all’inizio della prima fase. Non abbiate paura. Riponete la vostra fiducia in Dio. Se non lodiamo Dio in questo inizio di prova, non lo loderemo più in là. Se brontoliamo quando Dio comincia a intervenire per il nostro bene, cosa faremo dopo? So che il vostro cuore lo vuole, facciamolo tutti insieme secondo l’attesa del Cuore di Dio, secondo l’attesa del suo Amore Infinito. Se lo facciamo noi, lo farà il mondo. Lo stiamo già facendo, ma lo faremo ancora meglio.

1Estratti dai Messaggi di Gesù a sr. Consolata Betrone, 24 agosto 1934, 15 novembre 1935, 29 aprile 1942, vedi pag. 119.

2S. Luca 12, 48

3S. Pietro 5, 5

4Cfr. S. Luca 1, 51-52

5Cfr. S. Matteo 6, 6

6S. Giovanni 6, 56-57

7S. Paolo, Galati 4, 6

Autres
articles:

La Sommità dell’Adorazione

“Il mondo si perde, disse Gesù a Suor Consolata Betrone, e Io amo le anime e voglio salvarle. Per raggiungere il Mio obiettivo, uso il rigore, ma credetemi, è per pura misericordia. Se permetto un dolore così grande, è con lo scopo di salvare le anime per l’eternità”.

Per saperne di più »

L’adorazione perpetua del Santissimo Sacramento è un parafulmine per le nazioni. Lo scopo dell’adorazione perpetua è di assicurare una preghiera ininterrotta per la Chiesa, per la patria, per il mondo.

Con umiltà, chiediamo perdono per noi stessi, per la Chiesa, per i nostri fratelli. Compensare, supplicare, adorare!

Da Padre Mathurin della Madre di Dio

Ho detto interiormente: “Beati quelli che hanno dato il loro sangue per Dio”… E mi disse: “Beati coloro che fanno il sacrificio della loro vita continuamente per il Mio Amore, perché questo sacrificio fa per Me un cammino di profumi… Se un’anima soffre in silenzio le piccole contraddizioni quotidiane, la minima cosa che fa è per me più piacevole delle mortificazioni dei vecchi Padri e Patriarchi.”
“Oh! Com’è facile raddoppiare i propri meriti: si urta il braccio, si punge il dito, si mette il piede in una pozzanghera… veloce, veloce, un “Grazie, mio Dio! Come deliziosamente questo ‘grazie’ delizia il Cuore di Nostro Signore! Questa piccola parola, dal cuore spezzato dalla sofferenza, può cancellare anni di peccato”.

Santa Maria di Gesù Crocifisso

Un giorno, quando gli Angeli Custodi dei figli degli uomini furono riuniti vicino al trono di Dio, Satana apparve lì con loro. E il Signore gli disse: “Da dove vieni?
– Per camminare sulla terra, disse lo Spirito del Male.
– Avete notato il Mio lavoro di servitore? Non c’è nessun uomo come lui sulla terra: è retto e perfetto nella giustizia, serve il suo Dio e si allontana dal male.
– Credi, dice l’invidioso Satana, che Giobbe Ti servirà per Te stesso?”
Allora Dio permise allo Spirito del Male di mettere alla prova il Suo servo. Ma nel mezzo delle sue peggiori prove, il sant’uomo Giobbe disse:
“Dio mi ha dato tutto, Dio mi ha tolto tutto: benedetto sia il Suo santo nome.”