Uniamoci al grande Sant’Agostino nel suo canto di lode e di amore rivolto a sua Madre e Regina.

O Maria Santissima! Chi potrà restituirti i riconoscimenti e i ringraziamenti che ti sono dovuti, per l’aiuto che hai dato con il tuo consenso a tutti coloro che si sono persi? Quale lode può esservi presentata dalla debolezza della nostra natura, che essendosi persa ha trovato attraverso di Voi l’inizio della sua liberazione.
Ricevete, dunque, per favore, questi umilissimi ringraziamenti, anche se fragili e indegni dei vostri meriti, e, accettando i nostri voti, scusate i nostri peccati con le vostre preghiere.
Ricevere ciò che ti offriamo, dare ciò che ti chiediamo, perdonare ciò che temiamo, soprattutto perché Tu sei l’unica Speranza dei peccatori; attraverso di Te speriamo nel perdono delle nostre colpe, e in Te è l’attesa di tutta la nostra felicità.
Santa Maria, aiuta i miserabili, aiuta i deboli, rafforza i deboli, prega per il popolo, intervieni per il clero; che tutti coloro che celebrano la Tua memoria sentano gli effetti del Tuo aiuto; che tutti coloro che celebrano la Tua memoria sentano gli effetti del Tuo aiuto; che siano favorevoli ai desideri di coloro che ricorrono alla Tua clemenza e concedano loro il compimento dei loro desideri; che Ti piaccia pregare incessantemente per il popolo fedele, Tu, o Vergine Santissima! Che hanno meritato di portare il Redentore del mondo, che vive e regna nei secoli dei secoli.

Gesù mio, perdono e misericordia!
Per i meriti delle Tue sante Piaghe e i dolori di Tua Madre.