Cerca
Generic filters

Magnificat!

Per la conservazione del Deposito della Fede!
Che il Regno di Dio venga!

Una storia per ogni giorno...

Notre Dame du Laus

Quanto i Santi hanno stimato il Santo Rosario

San Pio V, uno dei più grandi papi che hanno governato la Chiesa, recitava il Rosario ogni giorno, senza essere impedito dai molti affari del suo pontificato. San Carlo Borromeo era molto fedele alla stessa pratica, e aveva una così alta considerazione della Confraternita del Rosario che ordinò che tutti coloro che entravano nei suoi seminari vi fossero iscritti. Non poteva pensare a un modo migliore per prepararli al loro ministero sacerdotale che la recita quotidiana del Rosario. San Tommaso di Villeneuve, arcivescovo di Valencia, Sant’Ignazio, San Francesco Saverio, San Francesco di Borgia, Santa Teresa, e molti altri grandi servi di Dio, tanto distinti per la loro illuminazione quanto per la loro santità, misero il Santo Rosario a capo delle loro pratiche di pietà.

San Filippo Neri frequentava spesso il Rosario, che viene detto pubblicamente tre volte alla settimana nella Cappella del Rosario nel Convento della Minerva a Roma. Fu attraverso questa devozione che Santa Caterina da Siena e Santa Rosa, del Terzo Ordine di San Domenico, si disposero agli straordinari favori del cielo. Fu nella cappella del Rosario che Santa Rosa da Lima fu visitata più spesso dopo le sue comunioni, e favorita da Gesù Cristo. Fu in questo santuario che la Santa Vergine le diede il glorioso nome di Rosa di Santa Maria, e che il divino Salvatore le rivolse queste tenere parole: «Rosa del Mio cuore, ti prendo per Mia sposa.»

Fin dai suoi primi anni, San Francesco di Sales fece della più tenera devozione a Maria la delizia del suo cuore; aveva già aderito alle confraternite o congregazioni in suo onore, e aveva fatto il voto di recitare il rosario ogni giorno della sua vita; Questa pratica la osservava con tale pietà che vi dedicava un’ora intera, accompagnando questa recita con la meditazione dei misteri del rosario, e con tale esattezza che, se i suoi affari gli toglievano del tempo libero durante il giorno, portava il suo rosario sul braccio per ricordarsi di recitarlo prima di andare a letto. La sera, per quanto tardi fosse la notte, per quanto stanco fosse, non tagliava nessuna delle preghiere dedicate a Maria; e quando era così malato da non poter parlare, se la faceva recitare da uno dei suoi familiari e accompagnava mentalmente la recita. Infine, portava sempre il suo rosario appeso alla cintura per non perdere mai di vista il fatto che era interamente devoto a Maria. Ogni mese partecipava regolarmente alla processione della Confraternita del Rosario, di cui era membro, tenendo il rosario in mano con un aspetto profondamente raccolto.

(Padre Huguet)

Altre storie...