Cerca
Generic filters

Se non trovate quello che state cercando,
potete inviare un'e-mail:
apotres@magnificat.ca

Magnificat!

Per la conservazione del Deposito della Fede!
Che il Regno di Dio venga!

Una storia per ogni giorno...

Cuore eucaristico di Gesù

Storia di due pagine, o devozione premiata.

Santa Elisabetta, regina del Portogallo, aveva un paggio estremamente virtuoso che usava per la distribuzione delle sue elemosine segrete. Un altro paggio, geloso del favore di cui godeva a causa della sua virtù, decise di perderlo e, per riuscirci più facilmente, persuase il re che aveva un commercio criminale con la regina. Il principe, che era portato dalla corruzione del suo cuore a pensare male degli altri, diede credito alla calunnia, e formò il piano di togliere la vita al presunto colpevole. Disse a un padrone di una fornace di calce che avrebbe mandato un paggio a chiedergli se aveva eseguito i suoi ordini, e che questo era il segnale con cui lo avrebbe riconosciuto: “Lo prenderai”, disse, “e lo getterai nella fornace. Ha meritato la morte per aver incassato giustamente la mia indignazione”.

Il giorno stabilito la pagina fu mandata alla fornace di calce. Passato davanti a una chiesa, vi entrò per adorare il Santissimo Sacramento. Ha sentito una messa, oltre a quella che era iniziata quando è entrato nel luogo santo.

Tuttavia, il re, impaziente di sapere cosa fosse successo, mandò il calunniatore a scoprire se i suoi ordini erano stati eseguiti. Il padrone del forno, scambiandolo per il paggio di cui aveva parlato il principe, lo afferrò e lo gettò nel forno, che lo consumò in un istante. Il paggio della regina, dopo aver soddisfatto la sua devozione, si mise in cammino, arrivò al forno e chiese se l’ordine del re era stato eseguito; e poiché gli fu risposto affermativamente, tornò al palazzo per dare conto della sua missione. Il re fu singolarmente stupito quando lo vide tornare, contro le sue aspettative; ma quando fu informato dei particolari dell’evento, adorò il giudizio di Dio, rese giustizia all’innocenza del paggio e rispettò sempre la virtù e la santità della regina.

(Godescard, Vita di santa Elisabetta.)

Altre storie...