Cerca
Generic filters

Se non trovate quello che state cercando,
potete inviare un'e-mail:
apotres@magnificat.ca

Magnificat!

Per la conservazione del Deposito della Fede!
Che il Regno di Dio venga!

Una storia per ogni giorno...

Nostra Signora dell'Assunzione

La Vergine Maria preserva un bambino ebreo dalle fiamme.

Nell’anno 527, durante il regno del figlio di Clodoveo, c’era una scuola a Bourges che era molto popolare tra i bambini della città, ricchi e poveri. Un artigiano ebreo aveva un figlio di dieci anni che andava a scuola ogni giorno con i suoi amichetti del quartiere. Ha imparato tutto ciò che gli è stato insegnato al meglio delle sue capacità. Dopo aver letto, scritto e contato, giocava in strada con i suoi compagni. Aveva notato che molti di loro avevano l’abitudine di entrare nella chiesa dove andavano a pregare e salutare un’immagine della Beata Vergine, che ancora oggi è venerata come Nostra Signora di Bourges. Il giovane ebreo li imitò; onorò ingenuamente colei che intendeva chiamare la Madre di Dio. Suo padre, sempre taciturno e occupato, non gli parlava quasi mai quando tornava a casa, e il bambino non aveva mai l’opportunità di dargli conto di quello che stava facendo. Così, senza il battesimo, era diventato gradualmente mezzo cristiano.

Quando arrivò la Pasqua, tutti i bambini cristiani che avevano fatto la loro prima comunione si vestirono con i loro abiti migliori e andarono alla Santa Tavola con cuore gioioso. Il figlio dell’ebreo, vedendoli così felici, si unì a loro. Ascoltò la Santa Messa in ginocchio e seguì i suoi giovani compagni alla Sacra Mensa, dove ricevette con loro la divina Eucaristia. Prima di lasciare la chiesa, andò con tutti gli altri bambini a pregare davanti alla venerata immagine della Madonna, che conosceva bene.

La sua assenza quel giorno fu più lunga del solito, così quando tornò a casa, suo padre gli chiese da dove venisse così tardi. In quel momento il malvagio era impegnato a scaldare un grande forno in cui ardeva un fuoco molto caldo.

Il povero bambino gli raccontò, con grande ingenuità e senza ritenersi in alcun modo riprovevole, come andava spesso in chiesa con i suoi giovani amici a salutare la Madonna, e come aveva appena ricevuto la comunione con gli altri. Immediatamente il padre, preso dall’ira, afferrò il figlio, lo gettò nel forno e per attivare il fuoco, che era già così caldo, vi gettò due fascine di legna secca. Tutto questo è stato fatto in un batter d’occhio. La moglie dell’ebreo arrivò nel frattempo; dalla fine della strada aveva visto suo figlio tornare a casa; chiese a suo padre, che mantenne un cupo silenzio. Abituata al cattivo carattere di quest’uomo, la povera madre, piena d’ansia, cercò il figlio in tutta la casa; non trovandolo da nessuna parte, andò al forno, che era così caldo da non potersi avvicinare. I due fasci di legna che l’ebreo aveva gettato nel forno crollarono, mezzi divorati dalla fiamma, e la povera madre credette di vedere il suo amato bambino in fondo alla fornace. Era terrorizzata alla vista e gridò così forte che i vicini accorsero da lei spaventati. Tutti i presenti hanno visto il bambino pieno di vita in mezzo alle fiamme che lo circondavano. Immediatamente l’inferno che bloccava l’apertura del forno è stato eliminato e il bambino è uscito sano e salvo senza aver sofferto nulla. «Sono stato preservato, dice, da questa Signora che è sull’altare e che è venuta a ripararmi dalle fiamme. La folla, felice alla vista di questo prodigio, capì che il bambino indicava la Madonna di Bourges che era venuta a salvare questo innocente, il tabernacolo vivente di Gesù Cristo che aveva ricevuto nella chiesa della Madonna.

(Memoria sulla chiesa di Notre-Dame de Bourges)

Altre storie...