Cerca
Generic filters

Se non trovate quello che state cercando,
potete inviare un'e-mail:
apotres@magnificat.ca

Magnificat!

Per la conservazione del Deposito della Fede!
Che il Regno di Dio venga!

Una storia per ogni giorno...

La Madonna del Rosario

Il rosario è l’aiuto più potente nei pericoli

Qui non si tratta tanto dei mali dell’anima quanto di quelli del corpo. Tuttavia, poiché l’anima e il corpo sono così strettamente uniti, il cielo è abituato a utilizzare i prodigi che opera nell’ordine temporale per la salvezza eterna.

Alla fine del XIX secolo, il vescovo Claude Marie Dubuis di Galveston riferì che una giovane americana di quattordici anni era stata rapita da un gruppo di selvaggi Amerindi e portata nel loro campo. La bambina era cattolica, così come sua madre, ma suo padre era un miscredente.

Deciso a liberare sua figlia, stava preparando le armi, quando sua moglie lo pregò di appendere al collo il rosario ricevuto dal missionario e di recitare la piccola preghiera che sentiva ogni giorno da diversi mesi. Il padre acconsentì e si mise all’inseguimento dei rapitori, con la sua pistola al fianco, il suo rosario al collo e il suo fucile sul pomo della sella del suo cavallo. Quando venne la notte e mischiò la sua oscurità con quella della foresta, pensò al rosario, provò a recitarlo, poi esitò. Infine, sopraffatto dal triste e doppio ricordo di sua figlia prigioniera e di sua moglie addolorata, ricominciò e continuò a recitare l’Ave Maria con perseveranza.

Otto miglia, o poco più di tre leghe, lo separavano da Mary, sua figlia, che era internata nel campo comanche. Lì, in una specie di agonia, il povero bambino continuava ad implorare la Madre di Dio mentre diceva il rosario. Verso le due dopo mezzanotte, Maria vide avvicinarsi a lei un giovane con una luce, che assomigliava esattamente al suo fratello maggiore, che era rimasto nella casa di suo padre. Le disse dolcemente: «Maria, seguimi; tuo padre è a otto miglia in questa foresta».

Infatti, prima dell’alba, la ragazza era tra le braccia di suo padre e il giovane era scomparso. Tutta la famiglia è convinta che l’angelo custode del povero prigioniero sia stato mandato dalla Santa Vergine e che, per ispirarle fiducia, abbia preso le sembianze di suo fratello. Da allora, tutta la casa non ha mai mancato di recitare insieme il rosario ogni giorno, e non abbiamo più avuto bisogno di istruire il padre prima di battezzarlo. Chi non ammirerà in questa circostanza la protezione visibile di Maria, in cambio della recita del Rosario? Quale fiducia non dovrebbe ispirarci questo esempio!

Altre storie...