Se non riuscite a trovare quello che state cercando, scriveteci:
apotres@magnificat.ca

Vite dei Santi: sanctoral.com

Magnificat!

Per la conservazione del Deposito della Fede!
Che il Regno di Dio venga!

Représentation unique de la Crèche.

Le charme de l'Enfant-Dieu vous fera oublier vos soucis, vos chagrins.
Jésus vous offre le cadeau d'un coeur d'enfant rempli d'amour,
de paix et de bonheur véritable.

Les services sont gratuits.

Horaire:

Messe de Minuit:
Messe du jour:
Visite de la Crèche:

Messe de Minuit:
Messe de Minuit:

25 décembre, 00:00 h.
25 décembre, 10:00 h.
25 déc. au 31 janv., 9 h - 18 h

1 janvier, 00:00 h.
6 janvier, 00:00 h.

Messe de Minuit: 25 décembre, 00:00 h.
Messe du jour: 25 décembre, 10:00 h.
Visite de la Crèche: 25 déc.-31 janvier, 9 h-18 h.

Messe de Minuit: 1 janvier, 00:00 h.
Messe de Minuit: 6 janvier, 00:00 h.

Réservation:

(819) 688-5225

Notre adresse:

290 7e rang - Mont-Tremblant - Québec - Canada - J8E 1Y4

Una storia per ogni giorno...

Sacra Famiglia

Cristiano in segreto.

Marius Victorinus, un illustre oratore romano, era diventato cristiano interiormente, ma poiché era molto stimato tra i pagani, non osava confessare pubblicamente di essere un discepolo del Crocifisso. Un giorno disse a San Simplicus: «Sono cristiano, ma solo in segreto.» Il santo rispose: «Finché non professate la vostra fede, e finché non venite in chiesa, non siete un cristiano. – Ma i muri di un edificio fanno un cristiano? – No, ma Cristo ha detto: “Chiunque si vergognerà di Me e del Mio insegnamento davanti agli uomini, il Figlio dell’uomo lo rinnegherà quando apparirà nella Sua gloria”.» (S. Luca 9, 26) Victorinus rilesse questi passi del Vangelo, li meditò seriamente e, spogliandosi di ogni rispetto umano, andò a frequentare le assemblee cristiane.

Non si è cristiani se non si professa la propria religione.

Rodolfo d’Asburgo e lo scettro.

Nel 1273 il conte Rodolfo d’Asburgo fu incoronato imperatore ad Aquisgrana dall’arcivescovo di Colonia, Engelbert, in presenza dei principi elettori. L’arcivescovo lo unse con il santo crisma sulla testa, sul petto e sulle spalle, poi gli elettori lo cinse con la spada, lo rivestì con il mantello imperiale, e l’arcivescovo gli pose la corona sulla fronte. Dopo questa cerimonia l’imperatore doveva dare agli elettori l’investitura dei loro feudi, toccandoli con il suo scettro: ma lo scettro era stato smarrito, e l’imperatore prese il crocifisso dall’altare per usarlo come scettro. «Qui», disse, «è il segno di Colui che ha versato il suo sangue per noi, il segno di Colui che nel salvare il mondo è la fonte della pace e del diritto. Questo è lo scettro che userò contro i miei nemici e i nemici dell’impero». Questo solenne giuramento, che allo stesso tempo conteneva una coraggiosa professione di fede, aumentò notevolmente il rispetto del popolo e dei grandi vassalli per l’imperatore, e Dio da parte sua benedisse le imprese di un regno i cui inizi erano stati posti sotto la protezione della Croce.

Gesù Cristo ci chiede anche di professare la nostra fede. «Chiunque», dice, «Mi riconoscerà davanti agli uomini, Io lo riconoscerò anche davanti al Padre Mio che è nei cieli; ma chi Mi rinnegherà davanti agli uomini, Io lo rinnegherò anche davanti al Padre Mio celeste».

Altre storie...