Cerca
Generic filters

Se non trovate quello che state cercando,
potete inviare un'e-mail:
apotres@magnificat.ca

Magnificat!

Per la conservazione del Deposito della Fede!
Che il Regno di Dio venga!

Una storia per ogni giorno...

Sacra Famiglia

L’Angelus all’inizio di una rappresentazione teatrale.

Quando il vescovo Sailer, vescovo di Ratisbona, era ancora solo un professore universitario, un giorno a Kaufbeuern fu data una recita scolastica in suo onore. Il sipario si alzò, e una bambina di dieci anni, a cui era stato dato il ruolo principale, apparve sul palco, attirando l’attenzione di tutti gli spettatori. In quel momento suonò l’Angelus, che chiamava i cristiani alla preghiera, e la bambina senza alcun rispetto umano disse all’assemblea: «Non sarebbe opportuno dire l’Angelus prima di cominciare?» Immediatamente si inginocchiò e recitò la sua preghiera. Alcuni del pubblico hanno riso, ma la maggior parte è stata profondamente commossa dal coraggio della bambina; Sailer stesso ha pianto per l’emozione. La bambina ha poi suonato così perfettamente che è stata applaudita con entusiasmo. Alla fine dello spettacolo, Sailer chiamò la bambina, le diede un regalo e le disse: «Figlia mia, hai recitato la tua parte in modo ammirevole, e con la tua coraggiosa professione di pietà hai dato a tutti noi un esempio molto edificante. Continuate ad agire in questo modo! Dio sarà con voi e vi renderà felici.»

I cattolici dovrebbero riflettere spesso sull’audacia dei maomettani che non hanno paura, anche in mezzo a una piazza pubblica, di dire le preghiere prescritte davanti a tutti.

Qualcuno ha ancora qualcosa da dire?

Un ricco padrone di casa una volta diede una splendida cena con il cibo e il vino più sontuoso. Dopo cena, il padrone di casa propose di andare in giardino a prendere un caffè, e tutti gli ospiti si alzarono per rispondere alla proposta. Tuttavia, il conduttore ha voluto sapere se tutti erano davvero d’accordo, e ha chiesto se qualcuno aveva altro da dire. «Io», rispose un anziano e venerabile signore, «ho ancora qualcosa da dire.» E subito unì le mani e recitò le sue grazie. «Questo, signori», disse, «è quello che devo ancora dire». Alcuni dei presenti scoppiarono a ridere, ma altri mostrarono la loro ammirazione per questa impavidità, e il padrone di casa gli strinse la mano, dicendo: «Mi congratulo con te, sei un uomo valoroso».

Colui che a tempo debito professa la sua fede senza rispetto umano assomiglia a un valoroso guerriero: questo è decorato, ma questo riceverà da Dio una ricompensa infinita.

Altre storie...