Se non riuscite a trovare quello che state cercando, scriveteci:
apotres@magnificat.ca

Vite dei Santi: sanctoral.com

Magnificat!

Per la conservazione del Deposito della Fede!
Che il Regno di Dio venga!

Représentation unique de la Crèche.

Le charme de l'Enfant-Dieu vous fera oublier vos soucis, vos chagrins.
Jésus vous offre le cadeau d'un coeur d'enfant rempli d'amour,
de paix et de bonheur véritable.

Les services sont gratuits.

Horaire:

Messe de Minuit:
Messe du jour:
Visite de la Crèche:

Messe de Minuit:
Messe de Minuit:

25 décembre, 00:00 h.
25 décembre, 10:00 h.
25 déc. au 31 janv., 9 h - 18 h

1 janvier, 00:00 h.
6 janvier, 00:00 h.

Messe de Minuit: 25 décembre, 00:00 h.
Messe du jour: 25 décembre, 10:00 h.
Visite de la Crèche: 25 déc.-31 janvier, 9 h-18 h.

Messe de Minuit: 1 janvier, 00:00 h.
Messe de Minuit: 6 janvier, 00:00 h.

Réservation:

(819) 688-5225

Notre adresse:

290 7e rang - Mont-Tremblant - Québec - Canada - J8E 1Y4

Una storia per ogni giorno...

Sacra Famiglia - Gesù Maria Giuseppe

Dio si prende cura dell’uomo.

Nel 1824, lo studioso protestante Charles Jarke si convertì al cattolicesimo a Colonia. La causa della sua conversione fu il seguente fatto: in una conversazione, Jarke osservò che se Dio esistesse, si prenderebbe cura del mondo. Qualcuno ha risposto: «Penso che Dio si sia preoccupato abbastanza dell’uomo, da quando si è fatto uomo.» Lo studioso non tornò dal suo stupore, perché conosceva appena il mistero dell’Incarnazione. Ricominciò a studiare, e il frutto dei suoi studi fu la sua conversione al cattolicesimo.

Ogni cristiano dovrebbe meditare spesso sull’incarnazione del Figlio di Dio, perché la bontà e la misericordia di Dio vi si rivelano così vividamente.

Il conto pagato due volte.

Supponiamo che uno studente compri dei libri. Il padre dello studente paga il libraio; più tardi lo studente paga una seconda volta. Poiché l’importo dovuto viene pagato due volte, lo studente ha il diritto di chiedere di nuovo l’importo che ha pagato e il libraio dovrà rimborsarlo.

Così è tra Dio e l’uomo. L’uomo è condannato a pagare il peccato di Adamo con la sua vita. Ma Gesù Cristo è venuto, non avendo peccato, ed era disposto, pur non essendo soggetto alla morte, a morire per noi e a pagare così il nostro debito. Tuttavia dobbiamo morire, avendo un corpo mortale come risultato del peccato di Adamo, in modo da pagare una seconda volta il debito già pagato. È giusto, quindi, che riceviamo di nuovo la vita del corpo, che avverrà alla risurrezione dei morti. Il pegno di questa risurrezione ci è dato da quella di Gesù Cristo. Egli è, secondo San Paolo, la primizia di coloro che sono nel sonno della morte. È perché ha meritato la vita per noi che dice: «Io sono la risurrezione e la vita». (S. Giovanni 11, 25.)

Altre storie...