Per la conservazione del Deposito della Fede!

Che il Regno di Dio venga!

MAGNIFICAT

L’Ordine del Magnificat della Madre di Dio ha come fine particolare la conservazione del Deposito della Fede mediante l’insegnamento religioso in tutte le sue forme. Dio lo ha posto come «un baluardo davanti all’apostasia quasi generale» che ha invaso la cristianità e in particolare la Chiesa romana.

Se non riuscite a trovare quello che state cercando, scriveteci:
apotres@magnificat.ca

Vite dei Santi: sanctoral.com

Una storia per ogni giorno...

Gesù bussa alla porta del nostro cuore

Dopo Diocleziano, Costantino.

La più crudele persecuzione dei primi cristiani fu quella di Diocleziano; fu così sanguinosa che nell’anno 303 i cristiani contavano da una nuova era, l’»era dei martiri». L’imperatore promulgò i seguenti editti, che promettevano di estirpare la religione cristiana nell’Impero Romano: 1° Le chiese dei cristiani dovevano essere distrutte e i loro libri sacri gettati nel fuoco. 2° I vescovi e i sacerdoti dovevano essere arrestati, torturati e puniti con la tortura estrema se non rinnegavano la loro fede. 3. Tutti i cristiani sono esclusi dalle dignità dello Stato e perdono i loro diritti civili. 4. I cristiani devono essere denunciati alle autorità. Se non sacrificano agli dei, saranno torturati e se rimangono costanti saranno decapitati. 5. Ogni ufficiale o soldato sarà, di volta in volta, obbligato a sacrificare; chi si rifiuta sarà punito con la morte. Fu durante questa persecuzione che avvenne il massacro della legione tebana, comandata da San Maurizio, il martirio di San Floriano e di un gran numero di vergini, tra cui Sant’Agnese a Roma e Santa Lucia a Siracusa. La persecuzione durò dieci anni, e alla fine i cristiani erano così sparsi che furono eretti monumenti a Diocleziano (+312) con l’iscrizione: «All’imperatore Diocleziano, sterminatore dei cristiani». Ma la situazione cambiò presto, perché apparve Costantino il Grande, il protettore del cristianesimo. Sua madre, Sant’Elena, gli aveva insegnato a rispettare e valorizzare la religione cristiana. Suo padre, Costanzo Cloro, era stato Cesare sotto Diocleziano e aveva governato come tale in Gallia, Spagna e Britannia. Dopo la morte di Costanzo Cloro, suo figlio Costantino fu proclamato imperatore (306) dalle legioni. Costantino, confidando nella lealtà delle sue truppe, si avventurò in battaglia con Massenzio, che le legioni d’Italia avevano proclamato imperatore, e lo sconfisse nella memorabile battaglia del «Ponte Milvio» (312). Prima dell’azione, Costantino aveva visto nel cielo una croce splendente con le parole: «In hoc signo vinces» (con questo segno vincerai), che poi fece ricamare sugli stendardi delle legioni. Già in quello stesso anno, Costantino aveva emanato il suo editto di tolleranza per i cristiani, e dopo la battaglia pubblicò l’Editto di Milano, che permetteva a tutti di abbracciare la religione cristiana. Nel 313, Costantino era l’unico sovrano dell’Occidente, ma in Oriente regnava suo cognato Licinio, che perseguitava i cristiani senza tregua. Fu sconfitto da Costantino nel 323 e quest’ultimo introdusse nelle province orientali gli editti già in vigore in Occidente. Sebbene fosse ancora un pagano, fece celebrare la domenica in tutto l’impero romano, diede i templi pagani abbandonati ai vescovi cristiani e nominò i funzionari cristiani alle più alte cariche nelle province, al fine di far rispettare gli editti a favore dei cristiani. Nominò sacerdoti in diverse legioni per tenere le funzioni nelle tende, e la pena della crocifissione fu abolita per rispetto al Salvatore. Infine, fece costruire una bella basilica sulla tomba di San Pietro, che fu sostituita nel XVI secolo dal capolavoro del Bramante. Insieme a Sant’Elena, costruì molti santuari in Terra Santa e in altri paesi. Costantino morì nel 337, a Pentecoste, con l’abito bianco dei catecumeni, perché non fu battezzato fino al suo letto di morte.

Così i pagani avevano trionfato troppo presto al tempo di Diocleziano; la loro gioia nel vedere il cristianesimo distrutto fu ridotta in fumo. La Chiesa è come la barca di Pietro sul lago di Gennesaret: una tempesta furiosa infuria mentre il Signore sembra dormire, ma all’improvviso si alza e ordina al mare di calmarsi.

Altre storie...

Segno della croce

Nel nome del Padre e del Figliolo e dello Spirito Santo e della Madre di Dio. Amen.

Preghiera preparatoria

O Gesù! Cammineremo con Te sulla strada del Calvario, che è stata così dolorosa per Te. Facci capire la grandezza delle Tue sofferenze, tocca i nostri cuori con tenera compassione alla vista dei Tuoi tormenti, per aumentare in noi il rimpianto dei nostri difetti e l’amore che desideriamo avere per Te.
Degnati di applicare a tutti noi gli infiniti meriti della Tua Passione, e in memoria dei Tuoi dolori, mostra misericordia alle anime del Purgatorio, specialmente a quelle più abbandonate.
O divina Maria, che per prima ci ha insegnato a fare la Via Crucis, ottienici la grazia di seguire Gesù con i sentimenti di cui il Tuo Cuore si è riempito mentre Lo accompagnavi sulla via del Calvario. Che possiamo piangere con Te e amare il Tuo divino Figlio come Te. Lo chiediamo in nome del Suo adorabile Cuore. Lo chiediamo in nome del Suo adorabile Cuore.