Cerca
Generic filters

Se non trovate quello che state cercando,
potete inviare un'e-mail:
apotres@magnificat.ca

Magnificat!

Per la conservazione del Deposito della Fede!
Che il Regno di Dio venga!

Una storia per ogni giorno...

Nostra Signora di La Salette

Una ragazza guarita da Maria si consacra a Dio.

La signorina Maddalena D’Hugonou, di circa 14 anni, era malata da due anni con un continuo tremore al braccio destro. Teneva la mano così stretta che poteva essere aperta solo con la forza, e non appena veniva lasciata, la mano si richiudeva come prima, e così strettamente che le punte delle dita facevano un’impronta nell’incavo della mano. Allo stesso tempo si trovò paralizzata alla coscia e alla gamba destra, che si era rattrappita, e poteva sostenerla solo sulla punta del piede, senza avere lì alcuna forza; così che, sebbene fosse sempre sostenuta da una stampella, una persona forte doveva sostenerla per farla camminare. La sua malattia aumentò molto, e per due o tre mesi fu in continua agitazione in tutto il corpo, al punto che erano necessarie due persone per sostenerla da tutte le parti: stavano persino per legarla a letto con delle lenzuola, il che obbligò suo padre a chiamare M. Rouzet, un medico di Figeac, che ordinò diversi rimedi, senza che la suddetta Maddalena provasse alcun sollievo. Vedendo che i rimedi umani non le davano sollievo, sua madre promise di andare a fare le sue devozioni alla santa cappella di Roc-Amadour, e di portare lì sua figlia, non appena avesse potuto sopportare la fatica del viaggio… Non appena Maddalena seppe che sua madre aveva finalmente fatto il voto, la pregò incessantemente di portarla a Roc-Amadour; ciò fu fatto, anche se con grande difficoltà, sia per il rigore del tempo che per i dolori che Maddalena soffriva durante il cammino. Tuttavia, arrivati a Roc-Amadour il quindicesimo giorno di marzo, la sera, prima di ritirarsi, alla stessa ora in cui avevano fatto la loro preghiera, Maddalena gridò: «Madre mia! ecco, grazie a Dio, la mia mano aperta!». E il mattino seguente questa ragazza era completamente guarita da tutti i mali di cui era stata così afflitta per circa undici mesi, e si trovò in condizione di salire i gradini che portavano alla cappella della Madonna da sola, senza incontrare alcuna difficoltà e senza l’aiuto di nessuno. Dopo che sua madre ebbe ringraziato la Santa Vergine e completato le sue devozioni, Maddalena scese gli stessi gradini con la stessa facilità con cui li aveva saliti, e ritornò con sua madre a Livernon, tutta felice e perfettamente guarita.

«Dieci anni dopo, questa giovane e pia persona, per dimostrare la sua gratitudine alla Madre di Dio, entrò nel convento di Lundieu, con il nome di Suor degli Angeli. Ella edificò questa comunità con i suoi esempi, con le sue lezioni e talvolta anche con i suoi miracoli, e vi morì in odore di santità nel quarantanovesimo anno della sua età».

Altre storie...