Se non riuscite a trovare quello che state cercando, scriveteci:
apotres@magnificat.ca

Vite dei Santi: sanctoral.com

Magnificat!

Per la conservazione del Deposito della Fede!
Che il Regno di Dio venga!

Représentation unique de la Crèche.

Le charme de l'Enfant-Dieu vous fera oublier vos soucis, vos chagrins.
Jésus vous offre le cadeau d'un coeur d'enfant rempli d'amour,
de paix et de bonheur véritable.

Les services sont gratuits.

Horaire:

Messe de Minuit:
Messe du jour:
Visite de la Crèche:

Messe de Minuit:
Messe de Minuit:

25 décembre, 00:00 h.
25 décembre, 10:00 h.
25 déc. au 31 janv., 9 h - 18 h

1 janvier, 00:00 h.
6 janvier, 00:00 h.

Messe de Minuit: 25 décembre, 00:00 h.
Messe du jour: 25 décembre, 10:00 h.
Visite de la Crèche: 25 déc.-31 janvier, 9 h-18 h.

Messe de Minuit: 1 janvier, 00:00 h.
Messe de Minuit: 6 janvier, 00:00 h.

Réservation:

(819) 688-5225

Notre adresse:

290 7e rang - Mont-Tremblant - Québec - Canada - J8E 1Y4

Una storia per ogni giorno...

Sacra Famiglia - Gesù Maria Giuseppe

La croce piena di ducati.

I mali che Dio ci manda sono in realtà delle benedizioni, perché soffrendo pazientemente acquisiamo dei meriti eterni. Ogni sofferenza sopportata con pazienza è una specie di pietra preziosa nella nostra corona in cielo. Un famoso predicatore usò il seguente paragone per far capire ai suoi ascoltatori questa verità fondamentale: «Supponiamo», disse, «che sulla cima di una montagna vicina ci siano molte croci di legno. Se vi dicessi che ognuno di voi potrebbe sceglierne uno e considerarlo suo, purché lo porti a casa lui stesso, penso che pochi di voi sarebbero tentati di andare. Ma se queste croci fossero vuote e riempite di ducati, sarebbe un’altra cosa: ci sarebbe una lotta per chi ottiene la più pesante e il dolore non conterebbe nulla. La sofferenza è una croce di questo tipo: chi non ha fede, e quindi non conosce le ricompense eterne che sono il prezzo della sofferenza, mormora e piange. I santi, invece, che conoscevano il valore eterno della sofferenza, l’hanno amata e se ne sono rallegrati. Da qui il motto di Santa Teresa: «Signore, o soffri o muori! È anche per questo motivo che nel mezzo della sofferenza Giobbe canta le lodi di Dio, dicendo: «È avvenuto come è piaciuto al Signore, sia benedetto il suo nome!».

Un mezzo di potere irresistibile.

Una volta una signora ricca e distinta chiese consiglio a un prete di provata esperienza. «Padre», gli disse, «sono estremamente attaccata al mondo e ricado sempre nei miei vecchi difetti. Ho fatto l’impossibile per correggermi, ma senza alcun risultato: ho fatto ritiri, mi sono confessato spesso, mi sono rivolto alla Santa Vergine, ho fatto elemosine: ma tutto questo non mi è servito a nulla. Cos’altro posso provare?». Il sacerdote rispose semplicemente: «La sofferenza. E così è stato. A causa di un incidente questa signora ha perso la maggior parte dei suoi beni, e diversi membri della sua famiglia le sono stati tolti in poco tempo: questi mali le hanno fatto riconoscere il nulla dei beni di questo mondo. Incontrando poco dopo il vecchio prete, poté dirgli: «La sfortuna mi ha riportato a Dio.

Dio la usa verso i peccatori come un padre verso un figlio disubbidiente; li punisce per renderli docili, o come un chirurgo che taglia e brucia l’ulcera per salvare il paziente. Con la sofferenza temporale cerca di salvarli dalla morte eterna.

Altre storie...