Se non riuscite a trovare quello che state cercando, scriveteci:
apotres@magnificat.ca

Vite dei Santi: sanctoral.com

Magnificat!

Per la conservazione del Deposito della Fede!
Che il Regno di Dio venga!

Représentation unique de la Crèche.

Le charme de l'Enfant-Dieu vous fera oublier vos soucis, vos chagrins.
Jésus vous offre le cadeau d'un coeur d'enfant rempli d'amour,
de paix et de bonheur véritable.

Les services sont gratuits.

Horaire:

Messe de Minuit:
Messe du jour:
Visite de la Crèche:

Messe de Minuit:
Messe de Minuit:

25 décembre, 00:00 h.
25 décembre, 10:00 h.
25 déc. au 31 janv., 9 h - 18 h

1 janvier, 00:00 h.
6 janvier, 00:00 h.

Messe de Minuit: 25 décembre, 00:00 h.
Messe du jour: 25 décembre, 10:00 h.
Visite de la Crèche: 25 déc.-31 janvier, 9 h-18 h.

Messe de Minuit: 1 janvier, 00:00 h.
Messe de Minuit: 6 janvier, 00:00 h.

Réservation:

(819) 688-5225

Notre adresse:

290 7e rang - Mont-Tremblant - Québec - Canada - J8E 1Y4

Una storia per ogni giorno...

San Giuseppe

Il penny di San Giuseppe.

Poco dopo la grande Rivoluzione francese, un vescovo, tornando in una diocesi fatiscente, fu molto addolorato di non avere case religiose nel territorio affidato alle sue cure. Un giorno venne a sapere che alcune suore, dopo aver vagato insieme in diverse regioni, senza mai separarsi, erano tornate nella regione da cui erano state cacciate dai rivoluzionari. Il prelato scrisse alla superiora per chiedere una colonia di sue suore, e alcune di esse gli furono mandate.

Quando arrivarono, disse loro: «Io stesso sono povero, non posso darvi nulla; prendete dei pensionanti e vivrete con loro». Per farsi conoscere in una città dove non si conosceva quasi nessuno tranne Dio, cominciarono a prendere dei poveri pensionanti, che portavano a spasso nei loro giorni liberi. Era un modo umano…

Nel frattempo, poiché la casa non era sana, le padrone e le pensionanti si ammalavano in gran numero. Allora la suora infermiera venne dalla superiora, che era anche l’economa, per chiedere un po’ di soldi per comprare dei dolci per i poveri malati. Ah, mia cara sorella», rispose la madre, «sono molto povera. – Madre, dammi quello che puoi. – Ma di quanto avete bisogno? – Madre, visto che sei così povera, dammi due monete. – Oh, due centesimi! Due centesimi! Ma ho solo due centesimi in tutto, e non voglio lasciare la comunità senza soldi! – Allora, Madre, dammi un penny e vedrò se posso comprare della liquirizia o qualcosa per i nostri poveri pazienti.»

Dopo che l’infermiera se ne fu andata, la superiora guardò tristemente l’ultimo centesimo che teneva in mano, dicendo a se stessa: «Eccoti con quel povero centesimo a capo di questa numerosa casa!» Le venne un pensiero che considerò come un’ispirazione divina. Si alzò, veloce come un lampo, e andò nella cappella, dove c’era una statua di San Giuseppe alta circa un metro. Si inginocchia davanti a questa immagine.

«Mio buon Santo», disse, «sei stato l’economo della Sacra Famiglia, e anche se povero, non hai lasciato loro nulla di mancante. Sono dunque venuto a sceglierti oggi come economo di quest’altra famiglia e, come segno della mia fiducia in te, ti do la borsa». Poi mise il penny in mano al nuovo procuratore, e si ritirò piena di fiducia.

Pochi istanti dopo, bussarono alla sua porta:

«Madre», disse il portiere, «c’è un uomo nel salotto che vuole parlare con te.» È andata con la Madre assistente.

«Signore», disse il visitatore, «sapete che ho lavorato per voi. – Sì, mi ricordo, e siamo soddisfatti del vostro lavoro». L’operaio, grattandosi continuamente l’orecchio: «Signore, è che… è che… – Beh, qual è il problema? – È che… mi avete pagato due volte; la mia coscienza non è a posto, e sono obbligato a restituirvi questa somma». Erano 40 franchi. Una somma enorme, quando non si ha più niente! Tuttavia, il nuovo procuratore non si fermò lì; presto fece entrare una ricca signora che presentò sua figlia come pensionante, e pagò il vitto in anticipo, poi un secondo, poi un terzo, ecc.

– Alcuni anni dopo, la Madre Superiora testimoniò: Guardate questa vasta casa che abbiamo fatto costruire e che ci è costata più di 300.000 franchi, è completamente pagata, e il centesimo è ancora nella mano di San Giuseppe. Quando arriva una novizia, di solito va a spazzare, spolverare, ecc. e trova questo penny, e subito me lo porta in spirito di povertà. «Madre, ecco un penny che ho trovato. – E dove l’hai trovato, figlia mia? – Nella mano di San Giuseppe. – Beh, è il suo posto, riportalo lì! Questa è la storia di un penny di San Giuseppe.»

San Giuseppe era l’economo della Sacra Famiglia. Anche se povero, non le faceva mancare nulla. È quindi saggio sceglierlo come economo della sua famiglia. Non delude mai coloro che si affidano a lui con fede.

San Giuseppe ci aiuta nelle nostre difficoltà temporali.

Qualche mese fa, mi trovavo in una situazione commerciale molto critica. Ho dovuto pagare una somma di denaro molto considerevole in un tempo molto breve, e questo dopo essere stato avvertito e minacciato. Il creditore non avrebbe più aspettato, e un pignoramento di ciò che ancora possedevo era destinato ad avere luogo. In questa situazione, tanto dolorosa quanto difficile da descrivere, ho deciso di confidarmi con alcuni amici intimi. Essi, comprendendo facilmente tutta la portata dei miei tormenti, mi esortarono a ricorrere alla preghiera. Fu allora che iniziammo insieme due novene, una alla Beata Vergine e l’altra a San Giuseppe, pregandoli di farmi uscire dalla mia situazione nel modo più vantaggioso possibile, se era la volontà di Dio. Quando le novene erano finite e il tempo limite stava per finire, non c’era alcun miglioramento nella mia triste posizione. Un po’ sconcertati, abbiamo continuato a pregare. Nel frattempo, ho provato di nuovo ad avvicinarmi agli amici per chiedere un aiuto in prestito, ma non ho potuto ottenere nulla. Infine, all’ultimo momento, fui sorpreso e particolarmente felice di essere ricevuto inaspettatamente da persone con le quali non avevo alcun legame e che pensavo fossero addirittura ostili nei miei confronti; mi offrirono tutto il denaro necessario per soddisfare immediatamente il mio creditore.

Possano questi esempi, in cui la protezione di San Giuseppe è chiaramente visibile, aumentare la nostra devozione e ravvivare la nostra fiducia in questo grande Protettore!

Altre storie...